Public Affairs

UPA rappresenta e tutela gli interessi delle Aziende nelle diverse sedi politiche, parlamentari e governative, e nei vari organismi, nazionali e internazionali, che legiferano o hanno competenza normativa in ambito pubblicitario.  La consulenza e l'intervento di UPA sono richieste da numerosi enti e apparati di natura pubblica, da gruppi parlamentari e da organismi con ruolo legislativo e normativo.
 

In queste sedi l'Associazione partecipa alla discussione dei progetti di legge in materia di pubblicità, promuovendone il miglioramento etico e professionale (a cui contribuisce anche con l'Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria e il relativo Codice) e sollecitando tutte le iniziative idonee alla sua valorizzazione.


UPA rappresenta i propri Associati nei rapporti con i partner di comunicazione e i mezzi pubblicitari, quali agenzie creative, media e di pubbliche relazioni, case di produzione, emittenti televisive e radiofoniche, editori di quotidiani, periodici, siti e portali web, motori di ricerca, social network, concessionarie di pubblicità cinematografica, imprese di pubblicità esterna.


UPA interviene in occasioni di carattere pubblico come congressi, convegni, tavole rotonde, meeting, seminari, in cui si discutono temi, orientamenti e decisioni di fondamentale importanza per il mondo della comunicazione. È una fonte di riferimento accreditata presso le agenzie di stampa e le testate giornalistiche nazionali.


UPA ha instaurato importanti collaborazioni con alcune fra le più prestigiose università italiane. Promuove inoltre lezioni e testimonianze focalizzate sulla comunicazione d'impresa presso i principali atenei italiani.


In sede internazionale, UPA è membro del comitato esecutivo della WFA - World Federation of Advertisers - la Federazione Mondiale degli Utenti di Pubblicità, con sede a Bruxelles, che rappresenta gli Utenti di tutti i Paesi presso le principali istituzioni internazionali, come le Nazioni Unite, l’ Unione Europea (Commissione, Consiglio, Parlamento, Direzioni Generali), l’UNESCO e la Camera di Commercio Internazionale.


Per ulteriori informazioni: direzione@upa.it